Cerca
  • Matteo Migliori

Cosmofarma News!

Aggiornato il: 8 giu 2019


Cosmofarma Exibition 2019: Fenagifar ( http://www.fenagifar.it/ ), federazione nazionale associazione giovani farmacisti, ha organizzato un incontro sulla mHealth (mobile health), ovvero sull'utilizzo delle applicazioni da utilizzare su smartphone per la salute. Si sono quindi presentate 3 diverse realtà:


1. Carepy: https://www.carepy.com/ "la prima App che mette in contatto diretto il Farmacista e il Medico con il Paziente, per migliorare l’aderenza terapeutica";


2. Virtuoso: https://www.healthyvirtuoso.com/ un' app che premia i comportamenti protettivi per la salute, si collega a Google Fit e devices vari e permette di collezionare vantaggi in e-commerce;


3. HTN: https://www.e-htn.it/it/ azienda specializzata nella telemedicina.


L'utilizzo delle App per la salute ha però avuto alti e bassi nel corso degli anni e se alcune vengono utilizzate di più altre, senza particolare motivo, vengono utilizzate non con l'obiettivo per le quali erano state prodotte.

Mi hanno quindi chiesto di fare un breve intervento per provare a focalizzare sulle dinamiche psicologiche e sociali sull'utilizzo di App per la salute


Fenagifar (Federazione Nazionale Associazione Giovani Farmacisti) mi ha chiesto un parere su come mai le applicazioni per la salute fossero talvolta utilizzate e talvolta no, inoltre come mai a volte le persone arrivano in farmacia con l'idea di un integratore che hanno trovato su internet, preferendolo al consiglio del farmacista. Due domande interessanti e non semplici: ho quindi rispolverato qualche teoria solida in letteratura scientifica e provato a rispondere.


Ho quindi affrontato:

1. il Locus of Control

2. La dissonanza cognitiva


La prima ci aiuta a capire l'utilizzo che una persona fa della rete web, ovvero in un momento di bisogno porta al proprio interno la percezione di controllo sugli eventi (LOC interno) e cerca attivamente le informazioni che gli servono, una volta che le avrà trovate, queste formeranno le sue rappresentazioni cognitive sull'argomento.


La dissonanza cognitiva invece ci aiuta a capire come integriamo due rappresentazioni cognitive: una già posseduta (quella appresa autonomamente) ed una che ci viene fornita dal farmacista. Le due, quando cozzano e non sono in sintonia, provocano appunto una dissonanza che provoca un certo grado di fatica cognitiva con tanto di imbarazzo o sforzo. La strategia più comune è far cessare la provenienza dell'informazione più facile da rimuovere. Nel momento in cui una cosa già l'ho imparata e il farmacista me ne viene a dire una nuova (seppur migliore) allora rimuovo la nuova informazione (più semplice da rimuovere) e non ascolto il farmacista o addirittura vado in un'altra farmacia.

Queste dinamiche minano fortemente la fiducia nel professionista sanitario, che sia farmacista, medico o psicologo. Se poi inseriamo che nemmeno tra i vari professionisti c'è particolare fiducia allora il paziente è quasi obbligato a fare capo a sè stesso per raccogliere informazioni e fare "di testa sua". Per quanto riguarda invece l'utilizzo delle applicazioni per la salute, la vera differenza la si vede nel percorso periferico o percorso centrale che l'informazione può fare.


Tende a percorrere la via centrale quando c'è un'elevata motivazione (ad esempio un paziente cronico) e la differenza la fa proprio l'informazione stessa. Se questa è più o meno accurata, da una fonte autorevole e ben articolata.


Differente è il percorso periferico dove la forma ha una salienza maggiore in quanto l'engagement è minore. In questo caso rientrano le app che portano ad un comportamento salutare, quindi di prevenzione primaria.


A differenza delle app per la gestione ad esempio dei farmaci, per patologie croniche e quindi di prevenzione secondaria. Le prime, con basso engagement richiedono una UX e UI (User Experience e User Interface) particolarmente sviluppate e basta qualche imprecisione a far cancellare l'app dopo un commento negativo. Per le seconde le persone, più motivate, sono ovviamente più inclini a usare e mantenere attiva l'app.


Ringrazio ancora Fenagifar che mi ha chiamato per fare il mio intervento.


Per qualsiasi domanda scrivete!


Cosmofarma Exibition 2019

Dott. Matteo Migliori

Comunicazione e Marketing Sanitario

MS in Psicologia Cognitiva Applicata

https://www.researchgate.net/profile/Matteo_Migliori

5 visualizzazioni
SIGN UP AND STAY UPDATED!
  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco LinkedIn Icon

© 2023 by Arcadia Team